ieri (27/12/2013) Ŕ morto il mio coetaneo e amico Marco Iurisci

Bambini delle scuole elementari che giocavano nel piano di carletto e poi quante volte a casa sua in via tripoli a fare i compiti, con la madre bidella che ci preparava la merenda. Poi le medie, il nautico e la nostra Punto Radio. Marco era il tecnico, e, io che alla radio ci tenevo, stavo sempre con lui. Lo pregavo, volevo che facesse il massimo per farci avere una buona qualitÓ e per farci arrivare lontano. Quante serate seduti nelle scale della sua casa per l'orientale dopo essere usciti a notte fonda dalla radio. Spesso eravamo in coppia, io lo speaker e lui il fonico! Intorno al 1990, la stessa passione: la ripresa video e poi recentemente la barca! Quanti discorsi con lui, delle barche e del mare. Nel 2012 a Pescara in una regata si mise in posa e mi disse : mi raccomando facci una bella ripresa! Che dire...spesso gli raccontavo di quando rimasi a bocca aperta nel vedere la Fiat 124 che il suo papÓ aveva comprato. Lui rideva e mi diceva : Mario ma come fai a ricordare queste cose? Tempo fa gli dissi che avrei avuto tanta voglia di riaccendere un trasmettitore e lui: Mario, ne ho uno piccolo in soffitta, un giorno te lo faccio vedere.